L essenziale è invisibile agli occhi

Il bagno della casa di Roma da su una orribile presa di luce interna del palazzo! Nessun cielo, nessun panorama .. Per me era insopportabile … mi dava un senso di angoscia.certo non mi andava di mettere una tenda qualunque ( fanciullesca come sono) . Pensai bene di comperare una rete bianca , tipo zanzariera, e di dipingere uno scorcio che era rimasto impresso nell anima… Una volta finito e creato il montante lo distemai alla finestra
Niente …..non si vedeva nulla! se non qualche grumo materico di acrilico dove il pennello era andato giù pesante! Per il resto un ombra e nulla più ! Delusione estrema, sconfitta netta alla creatività seppur spartana ! Non si vedeva nulla … Ma a volte l essenziale si nasconde agli occhi! La sera tornando a casa la sorpresa fu tanta! Eccolo la il mio scorcio di Amore , un angolo di ombrellone rosso ed il mio mare a definire l orizzonte!! Stilisticamente orrendo … ma Magico !
Già l essenziale è invisibile agli occhi
😉

20140306-010104.jpg

Forti con i deboli

Sequestrate cinque tonnellate di cozze coltivate in una zona interdetta alla pesca nel Mar Piccolo a Taranto. L’area è considerata a rischio sanitario per la presenza di diossina e Pcb oltre i limiti di legge. I mitili sono stati prelevati dai militari della Capitaneria di Porto coadiuvati dalla Polizia di Stato, dalla Polizia municipale e dalla Guardia di Finanza. Non sono mancati momenti di tensioni e proteste da parte di alcuni pescatori. “Questi sgomberi- hanno affermato – avvengono sempre nei confronti dei più deboli. La diossina non l’abbiamo causata noi, ma non sentiamo mai di sequestri fatti allo stabilimento”. Il prodotto è stato caricato su autocompattatori dell’Amiu per essere in seguito distrutto. “A Taranto oggi sono state distrutte, giustamente, tonnellate di cozze coltivate nel seno del Mar Piccolo perché contaminate dalla diossina e da pcb. Tra allevatori, coltivatori, mitilicoltori e maricoltori sono migliaia i posti di lavoro persi a Taranto a causa dell’inquinamento. – ha commentato il leader dei Verdi, Angelo Bonelli- Nessuna istituzione o sindacato difende questi lavoratori che dovrebbero avere gli stessi diritti di altri lavoratori. Ma così non è. Ecco perché a Taranto la costituzione italiana non è applicata e i sindacati troppo impegnati a parlare con i vertici della grande industria hanno dimenticato questi lavoratori che non dovrebbero essere ultimi a nessuno”. “Per loro – ha concluso- nessun decreto legge per loro solo disoccupazione e i sindacati tacciono”

…QUEL CERTO CLICK!!!

la mia città vista uscendo in barca dai cantieri greco, san Vito taranto, Puglia, Italy….